Laboratori

Deposito Archeologico del Museo Nazionale di Villa Guinigi

Nei depositi del Museo nazionale di Villa Guinigi si concentrata un'ingente quantità di materiale archeologico in prevalenza ceramica tardo medievale e post medievale, emersa dalle campagne di scavo condotte in città e negli immediati dintorni.

Il deposito, nel quale si svolge il lavoro di catalogazione, studio e archiviazione digitale dei reperti, racchiude al suo interno diversi ambienti: il“Laboratorio di ceramica”, dove avvengono le prime fasi del lavoro, ovvero pulitura, siglatura, ricerca degli attacchi in restauro preliminare e studio tipologico degli oggetti; la“Saletta di consultazione/studio”, nella quale è possibile usufruire di una ricca biblioteca di testi e dispense ad argomento prevalentemente archeologico (aggiornata con le pubblicazioni più recenti sugli scavi urbani e non del territorio lucchese) e dove è esposta una scelta di ceramiche restaurate; infine la stanza denominata “Raccolta dei materiali”, vero e proprio fulcro del deposito, che conserva i reperti, suddivisi per provenienza, catalogati e studiati.

Per il pubblico si organizzano specifiche visite guidate, incontri e mostre, per presentare i risultati delle ricerche. 

Il deposito archeologico è a disposizione di studiosi e ricercatori che possono fare richiesta di accesso agli ambienti contattando il Museo al numero 0583 496033. 

Per informazioni rivolgersi alla dott.ssa Silvia Nutini

 

Laboratorio di restauro

Il laboratorio di restauro occupa uno spazio dell’edificio adiacente il Museo nazionale di Villa Guinigi, denominato “la casermetta” al piano terra del quale sono ambienti destinati alle esposizioni temporanee. Gli operatori impegnati nel laboratorio intervengono sulle opere d’arte conservate nei Musei nazionali di Lucca. 

Periodicamente il laboratorio apre alla visita al pubblico e alle comunità che ne fanno richiesta, le cui opere sono in quel momento in fase di restauro, con incontri tenuti degli stessi restauratori che illustrano il loro lavoro.